Lo psicoterapeuta e sociologo australiano Hugh McKai sul perché le brutte giornate nella nostra vita sono davvero buone.

“Secondo me, il concetto di” felicità “merita critiche. Non mi dispiace che ci sentiamo felici, ma l’idea che tutto ciò che facciamo dovrebbe guidarci in un modo o nell’altro, mi sembra molto pericoloso. Grazie a lei, una nuova malattia è apparsa nella nostra società di tristezza. Secondo me, tutte queste chiamate: “Scrivi prima di andare a letto tre cose che ti hanno reso felice oggi”, “La felicità è la nostra giusta dalla nascita”, “rinvigorire, in nessun modo” e tutto

E se sì, allora quando. Devi specificare questo momento in anticipo in modo che viagra generico senza ricetta non abbia una sorpresa per te. Se, ovviamente, non sei d’accordo!

in quello spirito suonò selvaggiamente. Quindi insegniamo ai bambini che dovremmo essere felici per impostazione predefinita. Che sciocchezza. L’integrità è ciò per cui dovremmo lottare e parte dell’integrità è la tristezza, la delusione, il crollo delle speranze, la disperazione, un senso di impotenza, fallimento;Tutte quelle cose che ci rendono chi siamo noi. Felicità, vittoria, autorealizzazione, beatitudine sono piacevoli cose piacevoli, accadono anche, ma c’è poco da insegnarci. Chiunque si ripeta che impariamo attraverso il dolore, ma devi solo provare dolore, come senti: “Basta, dobbiamo andare avanti! Bene, arriva!”Se fosse al mio potere, vieterei, almeno per un anno, la parola” felicità “, sostituendola con la parola” integrità “. Chiediti: “Quello che mi sta succedendo ora mi aiuta a diventare una personalità integrale?”E se hai una brutta giornata oggi, la risposta è sì”.

Hugh Mackay (Hugh Mackay) -Sociologist-Research, esperto di psicologia dei valori e motivazione. L’autore del bestseller “Buona vita: cosa fa significare la vita?”(” La bella vita: ciò che rende una vita degna di essere vissuta?”, Macmillian Australia, 2013).

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *